Images de page
PDF
ePub

BIBLIOGRAFIA MANDEA

Testi ed edizioni di essi.

GINZA. Codex Nasaraeus, liber Adami appellatus, syriace transcriptus latineque redditus... a Matth. Norberg: t. I-III, Copenaghen, Frider-Brummer, 1815-17; t. IV, Lexidion codicis nasaraei, ib.; t. V, Onomasticon codicis nasaraei, Lund (Svezia) 1817.

Thesaurus, sive liber magnus, vulgo Liber Adami appellatus, ed. H. PETERMANN, t. I, Berlino 1867; t. II, lectiones codd. additamenta et corrigenda continens, Lipsia, 1867.

Ginza. Der Schatz oder das grosse Buch der Mandäer, übersetzt und erklärt von MARk Lidzbarski (Quellen der Religiongeschichte... d. Ges. d. Wiss. zu Göttingen vol. 13) pp. XVIII-619.

DAS JOHANNESBUCH DER MANDÄER Von MARK LIDZBARSKI, t. I, Text, pp. 291, Töpelmann, Giessen, 1905; t. II, Einleitung, Übersetzung, Kommentar, pp. XXXII-256, Töpelmann, Giessen 1915. QOLASTA oder Gesänge u. Lehren von der Taufe u. dem Ausgang der Seele. Text, ed. J. EUTING, Stuttgart, 1867. Mandäische Liturgien, mitgeteilt, übers. u. erklärt v. MARK LIDZBARSKI (Abh. d. Kön. Ges. d. Wiss. zu Göttingen, Phil.-hist-Klasse, N. F. Bd. XVII, 1) p. XXIV-295. (Comprende il Qolasta e la collezione liturgica di Oxford).

Textes mandaïtes, avec une Notice sur les Mandéens par CL. HUART (in J. DE MORGAN, Mission scientifique en Perse, t. V, 2) Parigi, 1904.

Une incantation contre les genies malfaisants en mandaïte, par H. POGNON, Extrait des Mémoires de la Société linguistique de Paris, t. VIII, Paris, 1892.

Inscriptions mandaïtes des coupes de Khouabir. Testo, traduzione e commento filologico, 2 vol., ed. H. POGNON, Parigi, 1898.99.

Mandäische Zaubertexte. Testo e versione, ed. M. LIDZBARSKI, in Ephemeris f. semit. Epigraphik, I pt. I (1900) p. 89-106.

Ein mandäisches Amulet. Testo e versione, ed. M. LIDZBARSKI, in Florilegium: Recueil de travaux dediés à Melchior de Vogüé, Parigi 1910, p. 349-373.

Mandäischer Diwan nach phot. Aufn. von Dr. B. POERTNER. Riproduzione fotografica del testo con schizzi.

Testi inediti.

Asfar Malvásé, o Libro dei segni zodiacali, inedito, che si trova in un manoscritto di Berlino ed in altri. Su altri testi inediti si possono trovare notizie in J. EUTING, Nachrichten über die mandäischen oder zabischen Manuskripte der k. Bibliothek zu Berlin u. d. Bibl. der British Museum zu London, in Zeits. d. Morgenl. Gessellschaft, 19 (1865) pp. 120-136; e in Catalogue des Mss. syriaques et sabéens de la Bibliothèque Nationale, Paris, 1874.

Studi filologici.

Oltre il Lessico e l'Onomasticon di M. NORBERG aggiunti alla sua edizione del Codex Nasaraeus, vanno segnalati :

Th. Nöldeke, Über die Mundart der Mandäer, in Abhandl. d. k. Ges. d. Wiss. zu Göttingen. Phil.-hist. Klasse, 10 (1862).

TH. NÖLDEKE, Mandäische Grammatik, Halle, 1875.

J. N. Epstein, Glosses Babylo-Araméennes in Rev. d. Études Juives, 73, p. 27-58; 74, p. 40-72 (1921-22).

Studi sul mandeismo.

P. F. IGNATIUS A JESU Carm. discalceatus, Narratio originis, rituum et errorum Christianorum S. Johannis, Romae, Typis S. Congr. Prop. Fidei, 1652.

D. CHWOLSON, Die Sabier und der Ssabismus, 2 vol., St. Petersburg, 1856. (Dei Mandei egli parla però solo in un capitolo del primo volume).

A. PETERMANN, Reisen im Orient, 1861 (vol. II p. 96-123).

J. EUTING, Die Mandäer, in Das Ausland, 1876, p. 221-224.

M. N. SIOUFFI, Études sur la religion des Soubbas ou Sabéens, leurs dogmes, leurs mœurs, Paris, 1880.

E. BABELON, Les Mandaïtes, leur histoire et leurs doctrines, in Annales de Philosophie chrétienne, 1881 p. 12 ss.

A. HOUTON-SCHINDLER, Notes on the Sabaeans, in Proceedings of the Royal Geographical Society, N. S. 13 (1891) p. 663-669.

W. BRANDT, Die mandäische Religion, ihre Entwickelung und Geschichtliche Bedeutung, Leipzig, 1889.

W. BRANDT, Mandäische Schriften... übersetzt und erlautert, Göttingen, 1893.

W. BRANDT, Das Schicksal der Seele nach dem Tode nach mandäischen und persischen Darstellungen, in Jahrbücher f. protest. Theol., 18 (1892) pp. 405-38; 575-603.

[blocks in formation]

Die Mandäer, ihre Religion und Geschichte. Verhandelingen der Akademie v. Wetenschappen, (opera postuma), Amsterdam, Afdecling Letterkunde, Nieuwe Reeks, 16, 3 (1915).

K. KESSLER, Mandäer, in Protest. Realenzyklopädie 3, 1903.

K. Kessler, Mandäische Probleme nach ihrer religiongeschichtlichen Bedeutung, in Akten d. 2. internat. religionwissensch. Kongresses zu Basel, 1904.

M. LIDZBARSKI, Uthra und Malakha, in Orientalische Studien Th. Nötdeke gewidmet (1906) vol. I pp. 537-45. H. ZIMMERN, Das vermutliche babylonische Vorbild des Pehta und Mambuha der Mandäer, in Orient. Studien Th. Nöldeke gewidmet (1906) p. 959-67.

SVEND AAGE PALLIS, Mandaeische Studier, Kobenhavn, 1919. In versione inglese, London, 1924.

R. REITZENSTEIN, Das mandäische Buch des Herrn der Grösse u. d. Evangelienüberlieferung, in Sitzb. d. Heidelb. Akad. d. Wiss., Phil.-hist. Klasse, 1919 n. 12.

H. ZIMMERN, Nazoräer, in Zeits. d. morgen. Gesellschaft, 74 (1920) p. 429-38.

U. FRACASSINI, La religione dei Mandei in Giornale della Società Asiatico-italiana 29 (1921) p. 137-77.

R. REITZENSTEIN, Das iranische Erlösungsmysterium, Bonn, 1921.

I. SCHEFTELOWITZ, Die Entstehung der manichäischen Religion und des Erlösungsmysterium, Giessen, 1922.

O. G. von Wesendok, Urmensch und Seele in der iranische Überlieferung, Hannover, 1924.

G. BARDY, Mandéens, in Dictionnaire de Théol. catholique, col. 1812-24.

R. BULTMANN, Die Bedeutung der neuerschlossenen mandäischen und manichäischen Quellen für das Verstandnis des Iohannesevangeliums, in Zeits. f. d. neut. Wiss. 24 (1925) p. 100-46.

H. GRESSMANN, Die Aufgaben der Wissenschaft des nachbiblischen Judentums, in Zeits. f. d. alt. Wiss. (1925) p. 24 ss. E. PETERSON, Bemerkungen zur mandäischen Litteratur, in Zeits. f. d. neut. Wiss. 25 (1924) p. 236 ss.; Urchristentum u. Mandäismus, 27 (1928) 55-98.

R. REITZENSTEIN, Zur Mandäerfrage, in Zeits. f. d. neut. Wiss. 26 (1927) p. 39-69.

M. LIDZBARSKI, Mandäische Fragen, in Zeits. f. d. neut. Wiss. 26 (1927) p. 70-5.

F. BÜCHSEL, Mandäer und Johannesjünger, in Zeits. f. d. neut. Wiss. 26 (1927) p. 219-30.

C. H. KRAELING, Mandaic Bibliography in Journal of the Americas Oriental Society, 46 (1926) p. 49-55.

JOHANNES BEHм, Die mandäische Religion und das Christentum, Leipzig, 1927, pp. 34 in 8°.
F. C. BURKITT, The Mandaeans.

[ocr errors]

Note on Ginza Rabba 174, in Journal of theol. Studies 29 (1928) 225-235 e 235-237.

W. BAUER, Das Johannesevangelium, zweite, vollig neubearb. Auflage, Tübingen, 1925.

E. LOHMEYER, Die Offenbarung des Johannes, Tübingen, 1926.

L. TONDELLI, S. Giovanni Battista ed Enos nella letteratura mandea, in Biblica, 9 (1928) p. 207-24.

P. J. M. LAGrange, La gnose mandéenne et la tradition évangélique, Rev. Biblique, 36 (1927) 321-49; 481-515; 37 (1928) 5 36.

B. ALLO, Aspects nouveaux du problème johannique à propos d'un commentaire de l'Apocalypse, in Rev. Biblique, 37 (1928) 37-62; 198-220.

H. PREISKER, Urchristlicher und mandäischer Erlösungsglaube, in Theol. Blätter, Giugno 1928.

F. A. HERZOG, Die beiden Iohannes und die Mandäer, in Vaterland, Luzern, 19 giugno 1928.

PARTE I.

Storia delle scoperte mandee

Scritti rimastici

delle ricerche storiche sul Mandeismo

Stato attuale
Piano del lavoro.

Il primo che rese noto in Occidente le dottrine ed i costumi dei Mandei fu il P. Ignazio di Gesù, carmelitano scalzo del sec. XVII, che trovandosi missionario a Bassora nella bassa Mesopotamia fu sorpreso dai riti e dalle dottrine di piccole comunità religiose, le quali praticavano il battesimo e vantavano il nome di Giovanni. Arabes et Persae, egli dice, vocant ipsos Sabbi. Ipsi inter se et etiam in suis libris vocantur Mendai, necnon aliquando Mendai Jahia: idest discipulus seu sectator Joannis Baptistae (1). Egli riferisce che i Mandei facevano risalire la loro religione (libros, ritus et quidquid habent) a Giovanni Battista: onde erano nella Missione chiamati anche cristiani di S. Giovanni Battista ».

Secondo il suo calcolo la setta comprendeva allora da 20 a 25 mila famiglie. Il numero è indubbiamente, anche per quel tempo, esagerato, perchè una relazione dell'a. 1663, di Melchisedech Thévenot, che fa un computo per le diverse località in cui i Mandei erano diffusi, li somma nella cifra assai modesta di sole 3279 famiglie (*).

La setta esiste ancora nelle regioni paludose dello Schatt el Arab, ed i superstiti sono stati diligentemente interrogati sulle loro tradizioni da diversi: specialmente da H. Petermann, il quale nel 1854 passò tre mesi presso di loro, raccogliendo i dati e le impressioni avute nel secondo volume dei suoi viaggi in Oriente; e dal Siouffi, che, viceconsole di Francia a Bagdad, potè avere come proprio informatore il figlio di un sacerdote mandeo, egli stesso elevato al grado di Skandâ, che corrisponderebbe press'a poco a quello di diacono nella religione cattolica. Egli pubblicava nel 1880 gli Etudes sur la religion des Soubbas ou Sabéens, leurs dogmes, leurs mœurs, che pur non essendo sempre attendibili perchè l'informatore, come del resto gli altri mandei, ignorava le antichissime svariate vicende della religione, pure danno notevole luce sui documenti e sui riti rimasti di essa· I libri religiosi conservati dai Mandei sono fortunatamente numerosi.

I° La fonte principale è il Ginza (Thesaurus) o Sidra rabba (liber magnus), il quale raccoglie come in un ampio corpus cosmogonie, tradizioni svariate, trattati teologici, documenti poetici e morali di origine ed età le più diverse. Esso fu pubblicato per la prima volta da uno studioso svedese, M. Norberg, sotto il titolo invero molto impreciso di Codex Nasaraeus, liber Adami appellatus, trascritto in caratteri siriaci con traduzione latina. Il Norberg vi aggiungeva un Lexidion ed un Onomasticon, indubbiamente notevoli pel suo tempo.

La traduzione del Norberg, il quale lavorava su una lingua`non ancora profondamente studiata e su testi che contengono un pensiero e tradizioni imbrogliatissime, non poteva essere del tutto sicura; ma è sovratutto a lui rimproverato d'avere qualche volta modificato il testo, ritenuto guasto, secondo le forme siriache.

(1) Nell'opera Narratio originis, rituum et errorum Christianorum S. Iohannis, Romae, Typis S. Cong. Prop. Fidei, 1652, p. 12.

(2) Relations de divers voyages curieux, I Partie, cap. 15 dell'ediz. di Parigi 1663 (cit BRANDT, Die Mandäische Religion, p. 4 s.).

Rispondendo ai desiderî degli studiosi H. Petermann si incaricava di una nuova edizione del testo, riprodotto questa volta, litograficamente, nei caratteri mandei. L'edizione portava il titolo più esatto di Thesaurus, sive Liber Magnus, vulgo Liber Adami appellatus. Dopo tentativi parziali di diversi studiosi, il Lidzbarski ne ha data una traduzione completa in tedesco, edita a Gottinga nel 1925.

Il Ginza è diviso in due parti, dette di destra (R) e di sinistra (L), distinte ciascuna in vari libri, comprendenti diversi brani. Quando null'altro venga indicato, nel corso del volume viene citata la traduzione del Lidzbarski colla numerazione delle sue pagine.

II° Anteriormente, nel 1905, il Lidzbarski pubblicava, in testo ed in caratteri mandei e con versione tedesca, un'altra notevole raccolta di documenti mandei, per la quale sceglieva il titolo Das Johannesbuch der Mandäer. Della composizione del libro parlerò a lungo a suo tempo.

III° Assai importante è un completo rituale mandeo, intramezzato dai canti sacri usati nei riti; esso fu pubblicato da J. Euting a Stuttgart nel 1867 sotto il titolo di Qolasta, Canti ed istruzioni sul battesimo e sull'ascensione dell'anima. Lo ha ripubblicato il Lidzbarski in caratteri ebraici quadrati, con traduzione tedesca, aggiungendo al testo riveduto dell'Euting un'altra collezione liturgica, più frammentaria, ritrovata in un codice conservato ora ad Oxford.

A queste fonti fondamentali s'aggiungono i Textes Mandaïtes pubblicati dal Morgan, che attendono ancora, in parte, la traduzione: il Diwan, pubblicato in fototipia dal Pörtner e dall'Euting nel 1904 sotto il titolo Mandäischer Diwan, tuttora non tradotto; l'Asfar Malwaše, o libro dei segni zodiacali, ancora non edito, ma già utilizzato dal Nöldeke per la sua grammatica mandea (cf. p. XXIV) (1): le iscrizioni mandee ritrovate dal Pognon nelle coppe di Khuabir, e da lui pubblicate con versione e commento; infine alcuni testi magici ed amuleti di cui sono date le indicazioni nell'elenco bibliografico.

Dopo gli studi del Norberg, che aveva aggiunta alla sua prima versione del Thesaurus un lessico mandeo, nessuno s'occupò più direttamente della lingua mandea sino al Nöldeke il quale espose prima le sue idee alla Società delle Scienze di Gottinga e più tardi, nel 1875, pubblicava la prima e definitiva grammatica mandea. Lavorando, dopo uno studio severo, sui documenti che si rivelavano, anche nella forma loro di conservazione, come più antichi, egli poteva mostrare come il Mandeismo avesse avuta una propria lingua, non un semplice dialetto: lingua la quale trova la più stretta parentela nell'aramaico dei Talmud babilonesi.

Il lavoro del Nöldeke permetteva ormai, sotto l'aspetto linguistico, una versione sicura dei testi mandei: e M. Lidzbarski se ne assumeva l'incarico faticoso, adempiendolo con la consueta diligenza. Nel 1905 usciva il Johannesbuch, nel 1920 le Mandäische Liturgien, nel 1925, come dissi, la nuova versione del Ginza. Sono stati questi lavori, e sovratutto l'ultimo, la versione del Ginza, che chiudeva la lunghissima fatica, quelli che hanno ridonato fervore agli studi mandei, trasferiti ormai dal campo glottologico a quello storico e teologico.

* **

Sarebbe interessante l'esame delle tradizioni storiche conservate dai Mandei, se esse stesse non fossero, a tanta distanza di secoli dalle origini, così poco attendibili. Il Brandt al quale si deve lo studio più profondo ed acuto del Mandeismo, e che ha esaminate le tradizioni raccolte da viaggiatori e da ricercatori serî come il Siouffi ed il Petermann, ha

(1) Il contenuto ne è così descritto da ABRAHAMUS EcchellenSIS: < liber signorum zodiaci, sive de Sphaera, et est de Chaldaeorum perantiqua illa et tam decantata Astrologia. In viginti quatuor signa ex huius libri regulis tota dividitur Sphaera, scilicet in 12 signa mascula et totidem foeminina. Hinc natorum diligentissime horoscopos observant, et fausta vel infausta praenunciant (Eutychius vindicatus, Pars altera, De origine nom. Papae, Romae 1660 p. 335).

concluso che esse non ci possono illuminare sulle origini mandee. La teologia mandea si è fissata da secoli, per influsso delle religioni dominanti, in una specie di monoteismo che ha tolta ai Mandei stessi l'intelligenza degli antichi documenti, conservati gelosamente, ed ancor più impedisce loro che del resto non sono studiosi - la possibilità di distinguere le evoluzioni subite dalla setta in tempi remotissimi di fermento di idee religiose. Va ad ogni modo immediatamente rilevato che i Mandei non sono affatto cristiani; anzi sono ora e sono sempre stati ostilissimi al Cristianesimo: e quindi va ritenuto che il nome di Cristiani di S. Giovanni, dato loro dai Missionari cattolici del sec. XVII, è del tutto errato ('). Sui rapporti loro col Battista le diverse idee espresse dagli studiosi saranno discusse più innanzi quando verranno esposte le dottrine mandee. La figura di Giovanni Battista è lungi dall'avere, come si può rilevare da una prima lettura dell'ampia letteratura mandea, quell'importanza nella storia religiosa della setta che autorizzi a chiamare i suoi seguaci discepoli di S. Giovanni. Secondo rilevò già il Brandt, i Mandei, messi a contatto coi conquistatori portoghesi, avevano interesse a mettere in alto rilievo i punti di contatto col Cristianesimo, facendo nel tempo stesso notare l'antichità e la venerabilità della loro religione. Ma poichè effettivamente nella letteratura mandea la personalità di S. Giovanni viene messa in rilievo, i possibili contatti dovranno essere studiati.

[ocr errors]

Il titolo dato loro dagli Arabi e dai Persiani, a quanto ci riferisce il P. Ignazio di Gesù, è piuttosto quello di Sabbi o Sabei, mentre essi preferiscono chiamarsi Mendai, o più esattamente Mandei.

Il nome di Sabei, dato loro nel titolo del volume dello Siouffi e dal Chwolson in un ampio studio pubblicato a Pietroburgo nel 1856 (Die Ssabier und der Ssabismus) (2), significa battezzatori: ed indica abbastanza bene i fedeli di una religione la quale ha come rito fondamentale, frequente se non quotidiano, il battesimo, ed il battesimo esalta continuamente come fonte di vita. Sotto tale nome sono ricordati essi tre volte nel Corano, messi sullo stesso piede dei Giudei e dei Cristiani, avendo come quelli una ‹ Scrittura > (Corano, Sur. II, 59; V, 33; XXII, 17). Esso è stato messo in relazione coi Zɛẞovaíoɩ, di cui parla S. Epifanio fra le sette samaritane anteriori al Cristianesimo (3). Il titolo non è testificato dalla letteratura mandea.

Il nome più frequente in essa è quello di Mandei e di Nasorei. Mandei deriva da "T: donde manda conoscenza o yvõσis (). Mandei quindi sarebbe l'equivalente di gnostici. Effettivamente la Gnosi della Vita ha, ad un periodo della loro religione, presa tanta importanza da essere trasformata in persona e da indicare il rivelatore supremo delle verità celesti (Manda dHaije).

L'altro appellativo di Nasorei è meno frequentemente usato, e non si comprende sempre se esso designi tutti i fedeli o una parte di essi. Il titolo in un racconto degli Atti viene dato ai Cristiani (3): e presso S. Epifanio ed altri polemisti ecclesiastici ad una setta eretica sorta dalle radici del Cristianesimo (6). Ma cogli eretici Nasorei i Mandei non possono essere identificati, perchè quelli hanno dottrine cristiane, sia pure deformate, che il Mandeismo non ha mai avute. Piuttosto è a domandarsi se i Mandei non vadano identificati od abbiano una parentela coi Naţagato Nazarei, distinti da Epifanio dai Nasorei e rappresentati da lui come una setta giudaica anteriore a Cristo. Il Norberg pensava ad essi quando poneva come titolo alla sua edizione del grande Thesaurus

(1) Così già il NÖLDEKE, Mand. Grammatik, p. XX n. 1 e molto prima il CHWOLSON, Die Ssabier und der Ssabismus, I p. 100.

(2) Le indicazioni più precise delle opere citate nel corso del volume possono trovarsi nell'elenco bibliografico. Noto qui che il lavoro del Chwolson si riferisce ai Mandei, pur essi indicati col nome di Sabei, soltanto in un capitolo.

[blocks in formation]
« PrécédentContinuer »