Don Chisciotte e Sancio Panza nella Scizia: Poema originale in dialetto siciliano, Volume 1

Couverture
presso Felice Stöckholzer di Hirschfeld, 1818
 

Avis des internautes - Rédiger un commentaire

Aucun commentaire n'a été trouvé aux emplacements habituels.

Pages sélectionnées

Autres éditions - Tout afficher

Expressions et termes fréquents

Fréquemment cités

Page 1 - DON CHISCIOTTE E SANCIO PANZA NELLA SCIZIA POEMA ORIGINALE IN DIALETTO SICILIANO DEL CELEBRE DON GIOVANNI MELI TRADOTTO IN LINGUA ITALIANA • DAL CAV".
Page 162 - Stava all'opera intentu, allura quannu Sanciu ci supraiunci pri darreri; tre campioni, e avrebbe deciso Marte. / E per essere fedele e più pacifico, - vuole che ogni abitante sia legato - alla patria con feudo onorifico, - o con un campo da lui coltivato, - o meno o più, secondo lo specifico - merito, o la estensione dello Stato; - e della zappa poi le ore intermedie - vuole che siano applicate alle arti e alle scienze. / Nella ripartizione dei beni vuole la ineguaglianza, ma discreta, - perché...
Page 144 - Nè .a figli , nè a nipoti si tramanda Il merito degli Avi, e la bravura; Bisogna che si cerchi ad altra banda Ragion sì capricciosa e così oscura Per cui un serve, e unaltro poi comanda; Chi eerre, o serve a forza, o volontario , Dunqu' è la prepotenza, od il salario.

Informations bibliographiques