Vocabolario milanese-italiano, Volumes 1 à 2

Couverture
Verlag nicht ermittelbar, 1839
 

Pages sélectionnées

Table des matières

Autres éditions - Tout afficher

Expressions et termes fréquents

Fréquemment cités

Page xvii - Io ho sentito alcuni lamentare nel Saggio di questo libro che pubblicai giovinetto moltissime voci italiane contrapposte alle milanesi non essere quelle comunemente usate in Toscana oggidì , e rappresentarsi colà gli oggetti con altre voci che colle da me suggerite, e spesso ancora con voci simili in sostanza alle nostrali. A questo lamento continuerà a dare luogo in parte anche il libro attuale, perché con esso io intendo somministrare modo a voltare il dialetto milanese nella lingua scritta...
Page xvii - ... alle milanesi non essere quelle comunemente usate in Toscana oggidì , e rappresentarsi colà gli oggetti con altre voci che colle da me suggerite, e spesso ancora con voci simili in sostanza alle nostrali. A questo lamento continuerà a dare luogo in parte anche il libro attuale, perché con esso io intendo somministrare modo a voltare il dialetto milanese nella lingua scritta italiana , non a tramutarlo nel mero parlare toscano il quale , come dissi , è di quella lingua germe utile sì , ma...
Page 256 - Cadèna d' un vòlt (o larga), d' un miìr ecc. Catena sf Lunga e grossa verga di ferro , la quale si mette da una muraglia all'altra, per tenerle collegate insieme , e render saldi e fermi i loro recinti , e specialmente le fiancate delle volte.
Page 131 - Ristretto di piante selvatiche con certo ordine per uso di pigliare alla pania gli uccelli , e in particolare i tordi. Bosée. v. a Cosa bella in apparenza , ma di poco valore ; ed anche Vestito che da nell' occhio per colori troppo taglienti, y.
Page 192 - Chi fa la casa in piazza, o la fa alta o la fa bassa, dice il proverbio; ch' è quanto a dire, chi pubblica le cose sue, non può dare nell'umore a tutti.
Page 238 - Fica, dicesi quell' atto che colle mani si fa in dispregio altrui , messo il dito grosso tra l'indice e 'I medio. In. XXV, 2.V. anche il Varchi nell
Page 248 - Cherubini2 così lo definisce: « ...composto di grascia porcina e di grascia d'arnione di manzo, scusse affatto di carne, triturate minutissimamente, insalate e regalate d'aromi e di cacio lodigiano trito...
Page 373 - ... operar bene, bisogna allontanarsi da tutte le cure e fastidi, perché la virtù vuoi pensamento, solitudine e comodità, e non errare con la mente.
Page 41 - Sacchetti ). Fare vescia. Ber bianco. Andare alla banda. Dare un tuffo. Averla bianca — Ricetta provata e non riuscita — Bene bene ma la mattina era morto. Suoi dirsi di tutte quelle cose che si tenta di conseguire e non si conseguono, o di quelle che altri intenderebbe far bene e non fa o fa malamente.
Page 129 - Intanto il sol che dai celesti campi » Va più sempre avanzando e in alto ascende » L'arme percote, e ne trae fiamme e lampi » Tremuli e chiari onde le -viste offende. (Tasso Gerii». Ut. I, 71) » Siccome il lume tremulo dell* onda » Ripercosso dal sole o dall...

Informations bibliographiques