Storia del reame di Napoli, dal 1734 sino al 1825 ..: con una notizia intorno alla vita dell'autore, Volume 2

Couverture
LeMonnier, 1856
 

Avis des internautes - Rédiger un commentaire

Aucun commentaire n'a été trouvé aux emplacements habituels.

Table des matières


Autres éditions - Tout afficher

Expressions et termes fréquents

Fréquemment cités

Page 205 - ... le autorità di polizia vedevano in ogni giovine un congiurato; in ogni moda o foggia di vestimento un segno di congiura ; la coda dei capelli tagliata, i capelli non incipriati, i peli cresciuti sul viso, i calzoni allungati sino al piede, i cappelli a tre punte e piegati; certi nastri, o colori, o pendagli, erano colpe aspramente punite, apportando prigionia e martorii come in cause di maestà.
Page xvii - ... tempi meno tristi. Ella, da gran tempo invasa da genti straniere, non ha suoi né pensieri, né geste: felice quando con la propria favella i fatti propri narrava, ed a' figli della mente dava suoi nomi.
Page 330 - Ed ora voi , ministro di quel re, parlaj.6 a noi di leggi , di giustizia, di fede? Quali leggi? quelle emanate dopo le azioni ! Quale giustizia? il processo secreto, la nessuna difesa, le sentenze arbitrarie ! E qual fede ? la mancata nelle capitolazioni dei castelli ! Vergognate di profanare i nomi sacri della civiltà al servizio più infame della tirannide. Dite che i principi vogliono sangue, e che voi di sangue li saziate; non vi date il fastidio dei...
Page 156 - ... bisogni e del secolo.... I libri del Filangieri furono sbanditi, e in Sicilia bruciati: il Pagano, il Carillo, il Delfico, il Conforti erano mal visti e spiati; cessarono ad un tratto le riforme di Stato, avuto pentimento delle già fatte; i libri stranieri, le gazzette, impedite; i circoli della regina disciolti; le adunanze di sapienti vietate; negavasi ricovero ai fuggitivi francesi, che, sebbene contrari alla rivoluzione, apportavano per il racconto dei fatti scandalo e fastidio...
Page 19 - Vico, miracolo di sapienza e di fama postuma, però che, da nessuno pienamente inteso, da tutti ammirato, e colTandar degli anni meglio scoperto e più accresciuto di onore, dimostra che in lui era forse volontaria l'oscurità, o che le sentenze del suo libro aspettano per palesarsi altri tempi ed ordine di studii più confacente alle dottrine di quello ingegno.
Page 275 - Francesi , che venendo d'Egitto si erano là riparati dalla tempesta; ma comunque animoso il presidio, scarso di armi, di munizioni, e di vettovaglie, assalito da molte migliaia di Borboniani, dopo le prime resistenze dimandò patti di resa; rifiutati dal cardinale, che, non avendo danari per saziare le ingorde torme, né bastando i guadagni poco grandi che facevano sul cammino, aveva promesso il sacco di quella città. Cosicché dopo alcune ore di combattimento ineguale, perché da una parte piccolo...
Page 82 - Sono i curiali timidi ne' pericoli, vili nelle sventure, plaudenti ad ogni potere, fiduciosi delle astuzie del proprio ingegno, usati a difendere le opinioni più assurde, fortunati nelle discordie, emuli tra loro per mestiere, spesso contrari, sempre amici.
Page 181 - Deo, padre di uno de'tre miseri, e gli disse di promettere al giovine vita e impunità, solo che rivelasse la congiura ei congiurati. Andò il vecchio alla cappella dove il figlio ascoltava gli estremi conforti di religione, e, rimasti soli...
Page 129 - ... che, sconvolgendo le prime rovine, li rendeva alla luce. Quando tutti i cadaveri si scopersero, fu visto che la quarta parte di que...
Page 358 - Acqui 1' esercito di Suchet, con sé poche squadre e sconfidate, i generali migliori o morti o feriti o prigioni; convocato consiglio ed avuto più rimproveri che ristoro alla sfortunata vecchiezza, decise in animo di concordar col nemico il passaggio dell...

Informations bibliographiques