La Rivoluzione romana al giudizio degli imparziali

Couverture
S. Birindelli, 1851 - 359 pages
0 Avis
 

Avis des internautes - Rédiger un commentaire

Aucun commentaire n'a été trouvé aux emplacements habituels.

Autres éditions - Tout afficher

Expressions et termes fréquents

Fréquemment cités

Page 232 - Pio IX è fuggito: la fuga è un'abdicazione: principe elettivo, egli non lascia dietro sé dinastia. Voi siete dunque, di fatto, repubblica, perché non esiste per voi, dal popolo in fuori, sorgente d'autorità.
Page 218 - Un gran signore mostra non sapersi che fare de* suoi privilegi, mettetevi sotto la sua direzione; se egli vuole arrestarsi, voi siete a tempo a lasciarlo; egli resterà isolato e senza forza contro di voi, e voi avrete mille mezzi da rendere impopolari quelli che si sono opposti ai vostri progetti. Tutti i dispiaceri personali, tutte le illusioni, latte le ambizioni irritate possono servire la causa del progresso, se altri da loro buona direzione.
Page 164 - Pontefice è partito questa notte da Roma, trascinato da funesti consigli. In questi momenti solenni il Ministero non mancherà a quei doveri che a lui impongono la salute della patria e la fiducia che gli accordò il popolo. Tutte le disposizioni sono prese, perché l'ordine sia tutelato e siano assicurate le vite e le sostanze dei cittadini. Una Commissione sarà nominata all'istante, che...
Page 203 - La forma del governo dello Stato romano sarà la democrazia pura, e prenderà il glorioso nome di Repubblica Romana.
Page 232 - Il principe ha disertato, tradito: noi facciamo appello dal principe al popolo. Roma è, per volontà di provvidenza, repubblica. La Costituente italiana, quando queste mura l'accoglieranno, confermerà, muterà o amplierà questo fatto. E scelto dal popolo un governo, s'accoglierebbe...
Page 204 - Cosi decretò l'Assemblea, e la Repubblica Romana fu proclamata oggi dal Campidoglio. Ogni Cittadino, che non sia nemico della Patria, deve dare una pronta e leale adesione a questo Governo , che , nato dal voto libero e universale dei Rappresentanti della Nazione, seguirà le vie dell'ordine e della giustizia. Dopo tanti secoli , noi torniamo ad avere PATRIA* e LIBERTÀ'; mostriamoci degni del dono che Dio c'inviava, e la Romana Repubblica sarà eterna e felice.
Page 225 - Noi ci accostiamo rapidamente a un momento supremo, decisivo, europeo : a un momento, in cui potremo, vincendo, risorgere a un tratto giganti, o dovremo, cadendo, subir la condanna di forse un'altro mezzo secolo di schiavitù e d' impotenza. E quel momento, noi non lo afferreremo pascendoci improvvidamente di cieche speranze, ma procedendo logicamente, severamente, ne...
Page 323 - Sarà levato un prestito forzoso sulle famiglie di più elevate fortune , sui maggiori capitalisti e commercianti, e sulle società commerciali e industriali di qualunque specie.
Page 204 - Nazionale de' vostri legittimi Rappresentanti, riconosciuta la Sovranità del Popolo, la sola forma di Governo che a noi conveniva era quella che rese grandi e gloriosi i Padri nostri. « Cosi decretò l'Assemblea, e la Repubblica Romana fu proclamata oggi dal Campidoglio. « Ogni cittadino, che non sia nemico della Patria, deve dare una pronta e leale adesione a questo Governo, che, nato dal voto libero e universale...
Page 218 - ... avrete mille mezzi da rendere impopolari quelli, che si sono opposti ai vostri progetti. Tutti i dispiaceri personali, tutte le illusioni, tutte le ambizioni irritate possono servire la causa del progresso, se altri da loro buona direzione. « 6. Ostacoli - L'armata è il più grande ostacolo al progresso del socialismo; sempre sommessa per educazione, per organizzazione, per dipendenza, la è un grande aiuto pel dispotismo.

Informations bibliographiques