Chittara zeneize

Couverture
Stamperia Pagano, 1823 - 315 pages
0 Avis
Les avis ne sont pas validés, mais Google recherche et supprime les faux contenus lorsqu'ils sont identifiés
 

Avis des internautes - Rédiger un commentaire

Aucun commentaire n'a été trouvé aux emplacements habituels.

Pages sélectionnées

Autres éditions - Tout afficher

Expressions et termes fréquents

Fréquemment cités

Page xv - Cavalli, eoa onorare l' idioma genovese ha fatto onore alla sua nazione in cosa, onde gli abitatori delle nostre riviere non rimanevano senza vergogna , adoperandola malamente . Per certo il ciò fare è stata nuova e strana vaghezza ; ma la Liguria produce uomini Trovatori, e trovatori di cose non immaginate e appena credute.
Page xiv - De vulgati eloquentia, che sua opinione era, che d'ogni lingua d'Italia si facesse quasi una messe; stimando così doversi più arricchire ed ornare la favella; ma non veggiamo essersi abbracciata sì fatta opinione; e però Fiorentinamente hanno gli uomini distesi i loro componimenti. A' nostri giorni sorsero in Padova ed in Vicenza Spiriti vivaci e leggiadri, i quali poetarono sotto nome di Begotto e di Menone in favella Vicentina e Padovana di Contado; e la loro eccellenza ha tratti uomini di...
Page xiv - Muse potuto porre una lingua in pregio , la quale fra' popoli era quasi in vilipendio ; e per ischerzo ha rappresentate passioni di gente vile in favella disprezzata , per modo che meglio non si è fatto da Poeti chiari da buon senno in idiomi nobili, ed io non mi vergogno punto d'affermarlo.
Page xiii - Tal cosa non intervenne all'Italia anticamente, perché altra scrittura non si usò, né a noi è trapassata, salvo Romana. Dopo ammutolitasi la Lingua Latina, in Italia sorsero molti linguaggi, per la lunga dimora, che vi fecero Popoli Barbari: ma niuno ebbe pregio, se non fu il Fiorentino; e per lunga stagione e Prose e Versi solamente Fiorentinamente si dettarono. Ben leggesi presso Dante in una Scrittura, ch'egli latinamente compose, ed appellolla De...
Page xiii - Italia anticamente , perché altra scrittura non si usò , nò a noi è trapassata , salvo Romana. Dopo ammutolitasi la Lingua Latina , in Italia sorsero molti linguaggi , per la lunga dimora...
Page xiv - Egli ha tra le Muse potuto porre una lingua in pregio, la quale fra' popoli era quasi in vilipendio; e per ischerzo ha rappresentate passioni di gente vile in favella disprezzata, per modo che meglio non si è fatto da Poeti chiari da buon senno in idiomi nobili ». Dietro il Beolco è già una...
Page xv - Poeti chiari da buon senno in idiomi nobili; ed io non mi vergogno punto d'affermarlo. Veramente alcuna volta Omero poetò quasi andando a diporto per lo Parnaso, e prese a dire le mortali battaglie che si diedero una volta i topi con esso i ranocchi; e quivi fu Omero senza fallo: ma egli non diede gloria al volgare Greco, già celebrato per ogni parte; solamente inalzò materia bassa con sua gran maestrìa.
Page 208 - Convien dire infatti ch'ei fosse stranamente invaghito del suo prediletto vernacolo, se non fu scherzo o esagerazione poetica il concetto del seguente sonetto in lingua genovese ! (lento poera de bèu tutti azzovas No doggeran ra lengua a un Foreste.
Page xvii - ... articolo ro , ra , ri , re , non si pronunzia , o , per meglio dire , si pronunzia cosi dolce ,• che appena se ne oda un leggier mormorto : ma nel principio della dizione si pronunzia sempre, come in rane , regatta , ec.
Page xvii - Zeneize (regole che sono poi ripetute tali e quali nella 1" edizione del Chittarin del De Franchi, a. 1772, e perfino nella ristampa del 1847): " r semplice in corpo alla dizione, quando, non accompagnata da altra consonante, precede ad una vocale, e nell'articolo ro, ra, ri, re, non si pronunzia, o, per meglio dire, si pronunzia cosi dolce, che appena se ne oda un leggier...

Informations bibliographiques