Images de page
PDF
ePub

Art. V. Per additarsi sul terreno la convenuta confinazione ap- 1840 ponendosi i termini artificiali là dove manchino i naturali giusta l'articolo III. saranno destinati due Ingegneri, uno eletto dal Governo Pontificio, e l'altro dal Governo Napoletano, i quali si recheranno sopra luogo, ed imprenderanno, e compiranno tutt' i lavori necessarj. A quest'oggetto essi dipenderanni dai Plenipotenziarii, che hanno segnato il Trattato. Gl’Ingegneri agiranno di accordo tra loro, e adopereranno metodi, misure, ed istromenti uniformi.

Art. VI. L'opera della confinazione sarà intrapresa immediatamente dopo la ratifica della presente convenzione, e dovrà essere menata a compimento nel più breve tempo possibile, che i Plenipotenziarii prescriveranno agl' Ingegneri esecutori.

Art. VII. Ove nella novella confinazione occorresse fare qualche lieve modificazione alla linea di confișe descritta nell'articolo I. per ispeciali ragioni risultanti dalla esecuzione dei lavori, ciò non debbe punto alterare, o ritardare l'opera della confinazione, dovendo conciliarsi amichevolmente le differenze tra i Plenipotenziarii.

ART. VIII. Non si considererà come determinata la novella confi. Dazione circa gli effetti legali che ne derivano, se non quando saranno intieramente apposti tull' i termini lignei provisorj con annuenza dei due Plenipotenziarii. Verranno intanto compilati al più presto dei speciali regolamenti d'accordo tra i due Governi per i possidenti di terre presso il confino.

ART. IX. Perchè la convenuta confinazione rimanga per sempre salda, ed inviolata, ogni cinque anni dal giorno, nel quale sarà essa compita e promulgata, verrà visitata formalmente da due Commissarj, uno Pontificio, e l'altro Napoletano, i quali d'accordo dovranno riferire ai due Governi, se lo stato dei confini risponda pienamente alle piante levate nella determinazione di questi, di che si formera atto pubblico, e legale.

Art. X. Quando per effetto della visita quinquennale si scorgerà il bisogno di restaurare uno, o più termini artificiali, i Commissarj visitatori potranno procedere senza indugio a tale restaurazione, facendone rapporto ad entrambi i Governi. Ma ove si osservasse alterazione di confine per divellimento, o remozione de' termini, essi dovranno soltanto farne rapporto ad entrambi i Governi, che d'accordo daranno i convenevoli provvedimenti.

Art. XI. I Commissarj visitatori avranno altresì la facoltà di far disgombrare i termini dall'erbe, arbusti, o macchie che vi fossero allignati dappresso, e che rendessero nascosto il confine.

Art. XII. Le spese occorrenti per la determinazione del confine, e l'apposizione de' termini artificiali, nonchè per la loro restaura

MANUEL ET PRATIQUE

DE

TRAITÉS, CONVENTIONS

ET

AUTRES ACTES DIPLOMATIQUES,

SUR LESQUELS SONT ÉTABLIS

LES RELATIONS ET LES RAPPORTS EXISTANT AUJOURD'HUI ENTRE LES DIVERS ÉTATS SOUVERAINS DU GLOBE, DEPUIS L'ANNÉE 1760

JUSQU'A L'ÉPOQUE ACTUELLE.

PAR

LE BN CH. DE MARTENS ET LE BN FERD. DE CUSSY.

TOME SIXIEME.

LEIPZIG

F. A. BROCKHAUS.

1856.

JXisa

M3 vib

AVERTISSEMENT.

otre intention en publiant le VI® volume du Recueil manuel et pratique de trailés el conventions, etc., était d'y réunir tous les actes internationaux qui ont été signés depuis la fin de l'année 1846 jusqu'à l'époque actuelle ; mais le nombre de ces documents s'est tellement accru, pendant l'impression même du VIe volume, que nous nous sommes trouvés dans l'obligation de former un VII° volume consacré aux actes des années 1852 à 4856. Ce VIIo volume est sous presse, et paraîtra incessamment.

« PrécédentContinuer »